POETI

gli Artisti nell'ALCOVA

Salvatore Pasquale
BIO    
Sono Nato a Napoli il 20/06/1962 nel popolare quartiere di Mater Dei,li ho
vissuto fino al 25 anni,per trasferirmi poi in quel di Scampia.
Trauma che non vi dico,ma il diavolo non è così brutto come si dipinge,infatti
mi sono abituato alla periferia,ed adesso vivo nella squallida
Melito di Napoli.Ho frequentato l'istituto statale d'arte fino al 1981,anno in
cui mi diplomai.
Da lì il solito percorso di precario per accedere al mondo del lavoro,cosa che
mi ha fatto vivere l'esperienza di Emigrante in quel di Milano.
ora lavoro alle Poste Italiane da 22 anni.
Deposti i pennelli che utilizzo solo per rare occasioni,vedi presepe da
colorare o sfizi improvvisi,
mi accorsi che mi esprimevo meglio scrivendo,e dopo aver frequentato salotti
di personaggi della Napoli della cultura
come quello delle figlie di E:A.Mario,a cui sono molto LEgato nella persona di
Delia Gaeta a cui và il mio pensiero dopo la sua
improvvisa scomparsa,hi come dire,Incubato la malattia del Vernacolo,a cui
indegnamente cerco di contribuire
come espressione di una Napoli che ha ancora tanto da dire in materia di
Emozioni e valori umani.
Scrivo essenzialmente di NApoli e dei suoi mali,oltre che dei sentimenti umani
a 360°
 
A' LUCE
Vedett `a luce,abbascio `o vico scuro
vedett´a luce senza tenè paura
vedett´a luce......e me sbattev ´o core.
Nunn´era `o sole e nun dava calore.
Era `o miraggio e chi ce crede ancora
Era `o curaggio e chi cumbatt e mòre
O l´illusion e chi và a caccia e l´oro.
Sperano che `e ricchezz material
le fanno accattà pure a´ vita e l´ate.
`Ca sete e cumannà c´assale l´ommo,
se vonno arrubbà `o core e chi stà attuorno.
E pe´ stagione......sarrà sempe vierno!
E `o friddo e `a neve avvolgiarrann `o core,
senza pruvà rimorso,senza sentì dulore.
Ma nunn´hanno fatt `e cunt `cu l´ammore,
che scioglie `o ghiaccio che v´ha gelato l´anema.
Essenn ammore cumme `na fiamma eterna,
ca maje friddo pungent le togliarrà calore,
e tornarrà `a speranz a scioscià forte
comm´a `nu vient che stravolg l´onne.
E nfunno a chistu tempestoso mare........
Vedette `a luce..................

 

 

FEMMENE

Femmene...
ca `a vita segna `cu `e tuòrte `e tutt´ `e juorne
e se scatena su di loro `o male `o bene
e `a furia d´ `a passione.
Sono le delegate del dolore
e tutt´ `e cercano, vulenno `a lloro
sempe mille attenzione,
sempe tante emozione,
senza le dà maje ammore
le damme chisà quanta dispiacere...

Femmena,
rosa che sboccia pure dint´ `a neve
vela che solca `o mare tempestoso
e `a chella scumma `e mare
nasce l´essenza `e chistu munno.
E pure Dio pe´ nascere ne ha avuto bisogno.
Quale dimostrazione e
forza ancora ca cercamme?

Trovano in fondo al pozzo dell´Ammore
chillu sorriso ca le dà
ancora spinta a penzà a llate...
Madri, Figlie, Sante, Puttane
sono il centro del mondo.

Putesseme piglià c´ `a forza
il loro corpo, spesso stanco e indifeso
ma non entreremmo mai nel cuore
degli Angeli del quotidiano.

Femmene...

 

Je vulesse fermà `o tiempo

Je vulesse fermà `o tiempo
E non è la mia.......richiesta di un´eterna gioventù.
È che nun c´ha faccio cchiù...
Quanno `o cielo se fà scuro
Po´ scumpareno `e culure
e che spalle nfaccio `o muro..simme figlie d´a paura.
Ve liggesse dint´alluocchie
`a paura e restà sule
e lascià stì quatt mura,e nun sentì cchiù `e rummure
e nun fa cchiù sti brutture,
che costringeno a `na vita
fatta senza dignità.
Chistu popolo sbandato
quanta guaje che ha superato,quantu màle ha suppurtato.
Chè nemici ha allontanato.
Mò stà sulo,abbandunato,Di lottare s´è sfastriato.
Nunn´è facile a lottà....Se combatti con te stesso.
Questa guerra contro il cuore
Che distrugge ogni emozione
Ora è l´unico padrone.
Di una vita di rancore,di un lamento di dolore
Di un percorso nell´orrore....
Che ne è stato del candore?
Della solidarietà...e l´ammore?
Je vulesse fermà `o tiempo
P´impedì ca sti criature
L´adottassero ad esempio...chistu scempio.
Le turnasse a cuntà `e fiabe
Quelle con il lieto fine.
Addò `o mare è sempe calmo
E addò `o sole dà calore.
Addò l´uniche sirene.......stevano `a mare.
E `nu core´e piscatore
Che cantava e chist´ammore,le più piccole emozion.
Storie antiche d´o passato,addò ancora se credeva
Addò ancora se campava.
Mò nun credono cchiù a niente.
Je vulesse fermà `o tiempo.

 

METROPOLITANA
Metropolitan,Metropolitan...............
Che faje vicino chi ce stà luntan
quanta quartier scinne, saglie e vaje
se ncontra gente can un s´e vist maje.
Chi facenn´o milanese affonn´a capa
Ind´o giurnale
Chi cercanno `nu pretest se vò metter `a parlà
Chi do sole e chi do male tiemp
E chi sbuffanno se ncazza che student
Pecchè in fondo po´ è overo
Fann tropp burdell
ma in fondo student ce so stato anch´je
e `a vita addà fa `o giro suoje
e nunn´a ferma niente,
cumm´a Metropolitan,Metropolitan
chi và vicino e chi và cchiù luntan.
Allontanarsi dalla linea gialla.........
Ogni matina `a solita canzone
E je ca mè faccio tutte sti stazione
ormaje nun provo manco cchiù emozione.
Manco si `a zingarella stenne `a mano
O fingo e nun tenè nient
o un po´ scucciat e indifferent l´alluntan.
Passa e spassa pe sti gallerie
nun veco cchiù `e vie `e semafor e `o filobus
nun sent cchiù `na machina che buss......
nun veco `a merce ncoppo `e bancarelle
nun faccio cchiù attraversà `a strad `e vicchiarelle.
Metropolitan,Metropolitan
Distanze cchiù vicine......e gente cchiù luntan
Campo cumm a `nu sorice.....pe sott `e gallerie
Mò s´arapono `e porte e mò scumpar via.
Stazion `e Vanvitell........che magazzine bell,
e a chella llà e Chiaiano,chi astregne `na serenga
e chi te stenn´a mano.
Metropolitan,Metropolitan
Sarraggio cchiù veloce........ma sempe meno umano
Metropolitan...Metropolitan


 

Vicino a mmè

Viene vicino a mè……..
Voglio farte vedè….’nu poco ‘o munno….
stù munno ca è chin’e cùlore…
ca è chin’e calòre…..e chin ‘e fantasia…..
e se rispira ammòre……………..
finchè nun se ‘ncontra …….’a follia….
E allora statte vicin’a mmè……..
cchiù stritte putimme scanzà ‘o màle…
e nunn’avè paura,fort’e l’ammòre….
Passamme chistu ciummo contro ‘a current
e pure nfùse e nfreddulùte………
statte vicino a mmè………..
vicino a mmè….’a notte non farrà paura
e stretta ‘pa mano te purtarraggio addò c’è pace…
addò ‘e piscatùre tiran’e paranz….
addò ce stà ‘a speranz……
addò l’uniche lacrème….
sarrànno chell’e ninno affamate
ca ‘mpietto ‘a mamma soja
tròva rifuggìo e ammore senza fine……
e l’uocchie ‘da paura lassarranno’ pe sempe
stù munno ca vò sulo bene e pace…..
stetta vicino a mmè….fermamme ‘o tiempo
e quannno tutto sarrà passato e storia antica….
Lassamme stù ricordo dòce……….
Vicino a mmè…….

 

 

Cu l´uocchie de criature
E´ cu l´uocchie de criature
che s´avessa affruntà `a vita
cu l´uocchie de criature
`o munno è cchiù pulito
e l´uocchie de criature
te curano `e ferite
t´arapono `nu core
ca nun cunosce invidia
ca è chino `e libertà !
T´astregneno nu dito
cu `na manella bianca
pelle `e velluto fine,
te fa pruvà emozione
can un ce stà pittore
pe la putè pittà.
Cacciatela `a paura
E ve scuprì cchiù umane
Levateve `o vestito
E l´uommene arrogante
Ca all´uocchie `e Dì se sàpe
Nisciuno è cchiù importante.
Basta che scuse assurde,
Je pò nun tengo tiempo....
Ma nun me n´ero accort....
E doppo ce stà gente
Ca invece chiagne e fotte....
Mettiteve a cunfronto
gente povera,ricche e gran signur
guardateve ind´alluocchie.........
cu l´uocchie d´e criature

 

FERDINANDO

Ferdinando era ‘o nomme 'e nu Rè
'o Rè 'e Napule appunto,
ma pe nu strano scherzo della vita
nce stà 'nu Rè ‘e chest'era moderna.
Rè Ferdinando era il Rè delle due Sicilie,
Ferdinando è detto più brevemente:
“Ferdinà”. È 'o Rè de’ cartune.
'O Rè de’ cartune?
E che razz’ ‘e rignànte è mai chist’?

Ferdinà è quello che tutti oggi
in Francese chiamman “Clochard”.
E già! pare ca nu nomme stranier’
sòna meglio.
Certo, forse “pezzente”… appezzenteva
pure la società ricca e perbene!
Ed ecco, con un tocco d'eleganza,
'o nomme francese ‘e Ferdinà Barbone
d’ ‘a stazione addivintàje “Clochard”.

'O regno è nu cartone,
chillo addò s'arravoglia 'a sera
quanno nu sole ca nun scarfa l'anema
scenne levanne pur' ‘a luce a chillu còre.
E s'arravoglia int'a na cupertella
ca le dà calore
e 'o viento nun passarrà pecchè
'o cartone protegge chistu Rè.

Certo, ‘a matìna primma ca spont' ‘o sole
se sceta ampressa e libera 'o pavimento
d’ ‘a stazione dalla sua presenza.
Già, pure si chilli marciappiere
sò semp spuorc’
chine d'escrement d'animale,
'a gente perbene sturzèlla 'o nase
si vede a Ferdinà.
E io per primo quanno passav’ ‘a llà
pe gghì al lavoro, m'alluntanavo
pe nun sentì l'addore d'abbandono
e p' evità che se lui mi strisciava a me
cercà 'na lira putesse spurcà il mio vestito
che puzza ancora di questa Borghesia.

Che mostro che è la società civile,
c'intenerisce nu cucciolo ‘e mucella
abbandonato, ma simm’ 'e preta
annanze a nu crestiano
ca ha perzo pure ll'anema.
L'avimme regalato però,
pe ce sentì cchiù Nobili e Signùre,
nu nomme Francese, “Clochard”
e la cuscienza nosta è a posto.

 

Libbertà

Passann’o tiempo,lascia l’impront e chell che c’è stato.
Nun se cancell ‘o tiemp ch’è passat,
né l’ombre nere né ‘a luce cchiù splennente,
tutt’e ricord,bell e malament
fatt important e cose e nient.
C’è chi è sincer e chi da semp mente,
chi invent scuse e chi te fà cuntent.
Chi tant soffre e chi nun se’ mport e nient.
E cammenanne pe stì viche antiche
pare e sentì ‘ o suono de tammòrre,
sent perfin l’allucche da paura:
e so sbarcat ‘e turche alla marina,
chi s’annasconne, e chi cumbatt e mòre……..
Marcia allineat l’armat dei Borbone,
mille cammise rosse l’aspettan in battaglia.
Viva l’Italia alluccano,viva la libbèrtà
E sventolann fieri ‘o tricolore
Ancora acìevere jetteno ‘a murì……..
E Napule tiempo apriesso,
se libberaje ‘da svastica nazista.
Ancora sanghe e morte,prezzo alto assaje
pavato pe chesta libbèrtà,
ma ce steva ‘nu còre ca sbatteva
e lu curaggio de se ribbellà.
Napule oggi cumbatte contro a n’esercito ca nun se vede.
Non di soldati ben allineati e armati
Oggi ‘o nemico è ‘na malatia,
de chelle che in medicina chiammano:
autoimmune……………………
e’ la camorra la nemica ‘e Napule
che la cunzùma ncuorpo chianu chiano
e che nun dà speranza alcuna
e ca nun se ribella cumme fuje ‘po passato.
Chisà si truvarrà maje cchiù ‘o curaggio
E turnà a batterse,gridanno:
Libbèrtà

 

Nfaccia `a croce

Si chiuvesse sanghe `a gente fujesse spaventat.
Si chiuvesse sanghe, restasse senza voce `pa paura
E si chiuvesse sanghe se diciarrja c´o munno stà fernenne
Che è `a puniziona nosta
E tutt´e sbaglie fatte `a chesta società.
Sarrja `nu juorno cupo, senza cchiù manco `o sole
Senza sentì l´addore nemmeno d´o cafè
Terrore,strille,allucche
Lacreme sporche `e sanghe
Chiante `e disperazione, e chi sape......
ca `a colpa in fondo....è pure `a soja.
Vittime `e chesta noja, da cupidigia e chi.....
penzanno a fà successo, se scorda pur `e Dio.
`O sanghe nun chiove `a cielo
Ma scorre miezo `e vie
Che muorte accisse nterra.
Terra senza cchiù core,
terra senza calore,terra senza culore
mò so luntane `e juorne
e quanno l´alleria regnava `pe sti strade
cantannece canzone d´ammore e dignità.
E´ triste `a guardà Napule rimasta senza voce
E´ triste `a guardà Napule.....
Appesa nfaccia `a Croce.

 

Notte senza pace

Notte senza pace...........notte e chi nun dice.
Notte `co core `e preta....pecchè addà suppurtà.
Chisà po´ a che se penza......
quanno se fa l´ammore.......senza pruvà piacere.
Quanno sta vita è stretta.......quanno ce sì costretta.
Forse `o pensiero vola.........a chella terra nera.
Nera cumm´è stanotte,
nera comme l´ombre che te stanno attuorno
nera cumm´è stù scuorno.
Nera è l´Africa luntana,
c´abbandunaste pe cercà fortuna.
Invece nun saje manco cchiù cumm´è fatta `a luna.
Correvano `e gazzelle,inseguite `do lione,
chissà quale emozione,
e ccà e ja suppurtà st´umiliazione.
Pelle d´ebano lucente.......sempe desiderata,tuccata,violentata.
Cà trattano `nu straccio chi tene `a pelle nera.
Nera cumm´è stanotte,comm´a tutte `e notte.
Notte senza pace.
Notte sempe ncroce.
Notte `e chi nun dice.........
E chi nun tene cchiù Voce
Notte senza pace....

 

Statistiche gratis