IL SACRO NELL’ARTE
La rappresentazione simbolica e naturalistica relativa alla iconografia della TRINITA’ Nell’arte più primitiva, in una fase anteriore a quella in cui la pittura, in modo particolare, ne desse una connotazione maggiormente descrittiva e naturalistica, la rappresentazione della Trinità cristiana viene espressa sovente attraverso simboli. Ciò è dovuto essenzialmente alla natura complessa del tema: un solo Dio in tre Persone, che si distinguono tra loro soltanto come relazioni opposte e non per la loro esistenza né per la loro essenza e alle quali sono attribuite rispettivamente le operazioni di potenza (il Padre), di intelligenza (il Verbo) e d’amore (lo Spirito Santo). Ovviamente l’uso del simbolo, oltre che mantenere un rapporto più stretto con il concetto astratto del sacro, risponde assai meglio alle esigenze di sintesi e di chiarezza, nel corso di un lungo periodo di tempo: il periodo paleocristiano, prima, e, successivamente, il Medioevo, in cui l’uomo aveva del tutto perduto la conoscenza delle strategie della rappresentazione e specialmente della rappresentazione del trascendente. I simboli più frequenti sono: il triangolo equilatero il trifoglio un insieme che comprende il trono (potenza), il libro (intelligenza) e la colomba (amore) una croce con il Padre alla sommità, il Figlio al centro e lo Spirito Santo alla base tre cerchi intrecciati che esprimono la loro comune infinità un gruppo di tre angeli, della stessa statura, che ricordano l’apparizione ad Abramo sotto il querceto di Mamre [Genesi, 18, 1-5]. Il soggetto trinitario inizia ad essere rappresentato in modo sempre più naturalistico, man mano che si esce dal Medioevo e che le tecniche rappresentative si scaltriscono, riscoprendo forme che avevano servito, nell’antichità classica, altri principi ed altre divinità; probabilmente giova allo sviluppo di questo nuova espressione iconografica anche la maggior capacità dei fedeli (e dei committenti delle opere) di individuare con chiarezza i concetti relativi al complesso e fondamentale dogma della Trinità.