Espressionismo
II termine designa una tendenza artistica che, diffusasi in tutta Europa nei primi due decenni dei Novecento, fece dell'espressione (da ex-premere, ovvero spingere fuori, forzare all'esterno) del sentire del soggetto, delle sue emozioni e stati d'animo, il cardine di un linguaggio di forme "brute", semplificate ed essenziali. II primo gruppo propriamente espressionista é, nonostante il consueto riferimento del termine ad esperienze sorte in ambito tedesco, il gruppo dei Fauves Matisse, Derain, Vlamink Van Dongen, Dufy esposero insieme al Salon d'Automne del 1905, guadagnandosi I'appellativo di "belve". Comune a questi artisti, tra i quali figura per un breve periodo anche Georges Braque, è il rifiuto delle convenzioni prospettiche e delle morbidezze del chiaroscuro. Le figure, brutalizzate da un segno aggressivo, si riducono a contorni semplificati, a superfici deformate campite da colori accesi e violenti. Nello stesso arino alcuni artisti tedeschi tra i quali Kirchrer, Heckel, Schmidt-Rottluff e, in seguito, Nolde e Packstein, fondarono a Dresda "Die Brucke" (Il Ponte). Nei 1911, quando ormai l'esperienza fauve poteva dirsi conclusa, trasferirono la propria sede a Berlino, per sciogliersi solo nel 1913. L'accentuata deformazione delle linee, la predilezione per il tratto spigoloso e spezzato, il violento contrasto luce-ombra, eredità di tecniche grafiche arcaizzanti, contribuiscono alla creazione di un universo figurativo lacerato da tensioni e inquietudini di chiara derivazione romantica. Questa coloritura drammatica, venata in taluni casi di misticismo, differenzia in modo significativo I'esperienza tedesca da quelle francese. Protagonisti dei medesimo atteggiamento artistico-culturale sono, in Austria, Kokoschka e Schiele e, in area russa, Larionov e la Goncanova. Un discorso a pare merita pur sorto in ambito espressionista, II gruppo "Der Blaue Reiter" (Il Cavaliere Azzurro), fondato da Vasilji Kandinsky (1866-1944) e Franz Marc (1880-1916) nel 1911 a Monaco, in seno al quale nacque l'Astrattismo. In Italia la sensibilità espressionista trovò compiuta realizzazione nell'opera di Rossi, Garbari, Martini, Viani, frequentatori delle esposizioni veneziane di Ca' Pesaro. Il termine Espressionismo usato, sembra la prima volta dal critico francese Vauxcelles riferito a Matisse, ha poi designato, nelle sue diverse declinazioni, tra i quali vale ricordare il neo-espressionismo e l'espressionismo astratto. Il termine neo-espressionismo descrive una tendenza dell'arte tedesca della fine degli anni Sessanta, e quindi perfettamente inserita nella cosiddetta "pittura citazionista", volta alla manipolazione dei moduli formali dell'espressionismo storico: la pennellata veloce. "tirata via" accentua il dinamismo della composizione e contribuisce, insieme all'esasperato ingrandimento delle forme, a creare un effetto quasi di deflagrazione in atto. I maggiori esponenti di questa tendenza sono Penk, Immendortf, Lupertz e Georg Baselitz. II termine espressionismo astratto designa invece una particolare stagione della pittura americana degli anni Quaranta-Cinquanta che, forte dell'apporto di gran parte dei surrealisti e degli astrattisti esuli negli Stati Uniti dall'inizio della guerra, vede, in modo particolare nelle esperienze di Pollock e De Kooning, la nascita dell'action painting.